Eco di Napoli

Avvelena il marito per andare con l’amante: arrestata. La vicenda

Tempo di lettura 1 minuto/i

Ha avvelenato il marito per stare con l’amante: è successo nel gennaio 2019 a Termini Imerese, in provincia di Palermo, ma la vicenda è stata resa nota solo ora, due anni dopo. A rivelare il retroscena è stato l’ex spasimante che ha dichiarato ai militari anche il veleno usato dalla donna: il cianuro. In seguito alle dichiarazioni dell’uomo, è stato riesumato il corpo di Sebastiano Rosella Musico, pizzaiolo di 40 anni, deceduto nel gennaio del 2019. L’autopsia ha confermato l’avvelenamento e per la donna è scattato l’arresto da parte dei carabinieri.

Loredana Graziano, 36 anni, ora è accusata di omicidio. Al termine della relazione con la donna, è stato lo stesso ex amante a rivelare ai carabinieri i dettagli. Il procuratore ha quindi disposto la riesumazione della salma del pizzaiolo per eseguirne l’autopsia. I medici hanno potuto confermare che non si è trattata di una morte naturale ma di un omicidio compiuto con cianuro.

Nei confronti della donna, secondo il Gip che ha emesso il provvedimento restrittivo su richiesta della Procura, sussistono gravi indizi di reità. Per gli investigatori la donna, mossa da un senso di forte insofferenza rispetto alla propria vita coniugale, dapprima avrebbe somministrato segretamente al marito un farmaco anticoagulante con effetti potenzialmente tossici nei casi di sovradosaggio. In seguito, il 22 gennaio 2019, gli avrebbe somministrato in modo occulto una dose di cianuro, determinandone il decesso per insufficienza cardiorespiratoria nel giro di pochi minuti.

In paese giravano voci su un possibile avvelenamento del pizzaiolo ma l’ex amante della Graziano ha deciso di parlare solo dopo essere stato denunciato per stalking dalla donna facendo così aprire un’inchiesta su un decesso che aveva comunque destato sospetti. La casa dove i due coniugi vivevano era stata sequestrata e i familiari di Sebastiano erano stati sentiti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: